Feedback di viaggio

 
ETIOPIA STORICA15 novembre 2016Etiopia Storica con Alberto ElliAdesso, al ritorno, il viaggio a lungo fantasticato in quella terra bella e tormentata che è l'Etiopia, è diventato ricordo, vivo e ancora vicino. Ho temuto non saremmo partiti, a causa delle turbolenze politiche e sociali di cui, come al solito, siamo stati scarsamente e malamente informati dai nostri organi di stampa, sempre troppo disattenti alle realtà "altre e minori" oppure per motivi, magari, legati alla eventuale esiguita' numerica del gruppo, dato - questo - che potrebbe far desistere un tour operator/cash and carry a organizzare un viaggio che invece - come molti viaggi un po' fuori rotta - richiede un po' impegno e un po' di sincera passione proprio da parte di chi lo propone. Perciò, da subito, un riconoscimento a voi di viaggi tribali e certamente al prof. Elli, nostra guida attenta e competente, oltre che persona umanamente piacevole e alla mano. Gruppo di 8 persone (una vera fortuna) , pulmino offtrack spazioso e comodo per viaggi su strade bellissime in continuo saliscendi e spesso sterrate, autista abile e discreto (plauso), guida locale etiope importante nel mediare con la realta' locale e nell'equilibrare comprensibili esigenze e piccoli imprevisti (se proprio non sempre, almeno molto spesso). Dell'etiopia dirò : va soltanto vista e possibilmente capita con un po' di umiltà. Personalmente l'ho trovata straordinariamente bella e interessante, come tutti i territori in cui la vita ha un altro tempo, un altro senso, un altro codice lontano e tuttavia comune alle nostre radici e alla nostra cultura. E bella, bellissima la sua gente arcaica e aristocratica pur, molto spesso, nella povertà dignitosa di un aratro di legno in mezzo a spazi sconfinati di teff e di sorgo rosso, di mandrie libere di manzi e zebu, agnelli e asini assistiti da voli di falchi e avvoltoi. E intorno eucalipti, ginepri ed acacie. Etiopi maratoneti, in marcia perenne nei campi, dai campi ai villaggi, dai villaggi alle città coi loro carichi di fascine di legna, uova, polli, asini, taniche d'acqua. Sempre in cammino, verso le chiese rupestri, verso la fede di Lalibela dalle meravigliose chiese tagliate nella roccia, avvolti negli shamma, in preghiera perenne. E i bambini, belli come il sole e ridenti, in stracci e che parlano inglese, perché vanno a scuola prima o dopo aver lavorato nei campi. Immagini, persone, luoghi, vite, paesaggi, chiese, santi che, pur senza un piede, hanno tuttavia con le loro onnipresenti immagini girato, anche loro, questa terra che un Dio ha scelto di illuminare con la sua continua presenza. Non dimenticherò mai tutto questo. E neppure i compagni di viaggio stimolanti, divertenti, piacevoli e grandi viaggiatori, che hanno reso questa esperienza ancora più bella. Grazie a tutti, di cuore e nella speranza di ritrovare un viaggio, una guida, un gruppo, un abile autista e anche una guida locale (e un po' partenopea) così. Ps . Non saprei cosa migliorare, del viaggio. Forse un po' la parte delle culture precedenti la cristiana poiché sono stata molto colpita anche dal tempio di Yeha e sono appassionata di archeologia. E poi farei carte false per poter visitare lo Yemen ed è agli yemeniti che dobbiamo quel tempio maestoso. Saluti e ancora grazie. Carla Giannini, firenze.CARLA
Salto Del Toro 6 Agosto 2016Salto del ToroGent.mo Massimo, pensiamo possa interessarti un'opinione su quella che è stata la nostra esperienza riguardo al tour. -Hotel: strutture al di sopra delle aspettative, decorose e pulite con una eccellenza ad Irgalem (Aregash Resort); -Driver e mezzo di trasporto: ottimo driver Wedaju Geaochew (Johnny) attento e sicuro nella guida in qualsiasi situazione, mezzo di trasporto Toyota Land Cruiser in ottime condizioni; -Itinerario: viaggio molto interessante ben studiato e strutturato attentamente, con qualche tempo morto dovuto alla gestione quotidiana dell'accompagnatore; -Guida: intendiamo la definizione di "guida" decisamente diversa. Senza nulla togliere alla padronanza sui luoghi e sui percorsi del Sig. Antonio Di Grande, la conoscenza relativa alle numerose etnie incontrate ci è apparsa certamente insufficiente, probabilmente più consona ad un mero accompagnatore di turisti che non di "viaggiatori esperti"; -Salto del toro: consapevoli che non ci sarebbe stata la certezza di assistere alla cerimonia, riteniamo poco corretto non essere stati informati alla partenza dall'Italia che avremmo, in caso di successo, dovuto sostenere questa spesa extra. La consideriamo una questione di principio indipendente dall'importo pagato. Possiamo comunque ritenerci appagati e soddisfatti per l'esperienza vissuta e rimaniamo a Tua disposizione qualora volessi approfondire l'argomento anche telefonicamente. Grazie e a presto. Cesare e TizianaCesare
La Dancalia Lunare8/2/2016Viaggio in un altro pianetaStupefacente Dancalia, incredibile spettacolo di fuoco all'Erta Ale, molto interessanti le chiese di Lalibela. Gli spostamenti sono lunghi, intere giornate. . . Magari pensare a qualche volo interno in più per guadagnare tempo? Si dovrebbe migliorare il brevissimo soggiorno al vulcano: le capanne sono decisamente inospitali. Per il resto,tenendo conto dei luoghi non certo adatti ai turisti della domenica, tutto bene a livello di organizzazione: cuoco super e gentilissimo, guida molto disponibile anche se limitato nelle spiegazioni e approfondimenti, autisti in gamba.Bisogna considerare che l'aspetto igienico-sanitario è molto carente nella zona della depressione dancala.Ma ci si consola quando si viene a contatto con quelle meravigliose popolazioni e con gli stupendi paesaggi che cambiano in continuazione. Viaggio indimenticabile!!!!!piera oddonetto
Etiopia storica26 febbraio 2016Etiopia storica con Alberto ElliVolvo lasciare un feedback per il viaggio appena concluso: - ESPERIENZA fantastica, credo soprattutto per Alberto. Effettivamente la guida locale e’ indispensabile ma la profondità’ storica che Alberto aggiunge e’ importante. - Ultima cena tradizionale: per fortuna avevamo fatto una cosa simile (se non migliore) con le 4 SISTER a Gondar. Per lo meno inserire questa cena a Gondar nell’itinerario (come cena). - Siemens Park e’ stata fantastico; qualcosa di diverso da chiese chiese (nonostante fossero loro il tema principale); per me assolutamente da salvarlo nel programma anche se a scapito di chiese belle sul lago Tara questi sono i miei feedback; buona serata e un salutoStefano Tonetti
Etiopia La Dancalia e il vulcano8 Febbraio 2016Gioielli della Natura e oltreHo compiuto questo viaggio con grandi aspettative e sono state mantenute. Si possono ammirare e vivere alcune cose uniche al mondo e le emozioni sono state grandi. Non è, naturalmente, un viaggio per turisti, serve essere un pò "viaggiatori" ed occorre spirito di adattamento. Tutto il programma si è svolto correttamente, ottimi i driver e la guida locale Antonio, ed anche quelle dell'ultimo giorno. Siamo stati fortunati anche con il Vulcano....pieno di lava sino a pochi metri dall'orlo del cratere; sarà merito della Viaggitribali anche questo? :-DGiovanni
Dancalia e Natale in Etiopia05 gennaio 2016Dancalia e Natale in EtiopiaCiao a tutti, un viaggio di gruppo, secondo la mia limitata esperienza, ha successo se l’amalgama di quattro elementi dà un risultato superiore alle aspettative (seguendo il mio hobby partendo da farina, uova, carne e pomodoro si possono ottenere ottime lasagne). Gli elementi sono (non in ordine di importanza) 1) Luoghi visitati 2) Organizzazione del viaggio 3) Guida 4) Partecipanti al viaggio A mio avviso tutto ha funzionato alla perfezione ed elogio personalmente tutti quelli che hanno contribuito alla buona realizzazione del viaggio. I luoghi mi hanno lasciato senza fiato; l’organizzazione è stata ottima compatibilmente al fatto che eravamo in Africa (sappiamo come sono gli alberghi, però auto ottime e autisti veramente premurosi); la guida ha fornito molte informazioni e ci ha assistito e guidato con capacità non comuni, per cui le piccole carenze (ad esempio “ma dove è l’Amba Alagi?” sono assolutamente insignificanti); i partecipanti al viaggio, nel loro complesso, hanno dimostrato una non comune dote di adattamento (non voglio ricordare il mio precedente viaggio nel sud Etiopia). Un ringraziamento particolare a Laura, che, per me, è stato un “plus” notevole per le nozioni e l’assistenza fornite. Vorrei precisare a Laura che lei non c’entra nulla con la questione check in per due motivi: su ogni valigia hanno messo la destinazione corretta (io avevo MPX per cui non c’entra nulla il fatto che abbiamo fatto check in di gruppo) e a Malpensa non è arrivata sia la mia valigia che la valigia di altri due soggetti che sono partiti da Addis Abeba (e di altri due signori che hanno fatto transito a Istanbul)). Un ringraziamento a Massimo Pegoraro e Barbara per l’assistenza pre viaggio e per la capacità di aver ben organizzato il tour. Pur essendo abituato a viaggiare da solo confesso che guarderò con attenzione le loro proposte. Per ora vi saluto perché, fra le varie cose, devo anche lavorare. Con affetto Stefano Ultima nota: vorrei essere informato del fatto che Marco è ritornato sano e salvo.Stefano O.Z.
Etiopia storica26 dicembre 2015Capodanno in EtiopiaViaggio stupendo, grazie! Anna Tellini PS Unico appunto: forse insinuate timori eccessivi: le lenzuola - pesanti e ingombranti - e il Biokill non sono serviti....Anna Tellini
Etiopia storica26 dicembre 2015Capodanno in EtiopiaBuongiorno, i clienti prenotati vi ringraziano per l’ottima organizzazione cordiali saluti Flavio Pracchi Nexus Travel s.r.l.Ag. Nexus Travel
Etiopia Da Nord A Sud5 Settembre 2015EtiopiaUn viaggio indimenticabile, perfettamente organizzato e con più che adeguata assistenza durante tutto il suo svolgimento, con accompagnatore e drivers all'altezza della situazione. Da consigliare agli amici.raffaele pingitore
Salto Del Toro8-8 2015salto del toroil viaggio è stato molto bello e interessante . Anche con il resto dei partecipanti mi sono trovato molto bene. Spero di ritornarci per la Dancalia e il Natale a Lalibela a Gennaio. Saluti Severi MarcoMarco Severi