LA SCACCHIERA DEGLI DEI, IL TIBET D'AFRICA

TREKKING

 

       LA SCACCHIERA DEGLI DEI, IL TIBET D'AFRICA

 

15 GIORNI

 

 

 

IMPEGNO ALTO

VIAGGIO VIA TERRA CON 2 VOLI DOMESTICI

DURATA 15 GIORNI

VIAGGIO STORICO CON TREKKING SUL SIMIEN

5 GIORNI DI TREKKING SUL SIMIEN

GUIDA LOCALE ESPERTA

 

UN VIAGGIO RIVOLTO A… Viaggiatori esperti, persone che non ritengono il confort una priorità, ma che cercano l’approfondimento culturale ed il contatto con la natura incontaminata ed antiche culture. Questo richiede spirito di adattamento e sopportazione per qualche faticoso trasferimento. E’ necessario informarsi sullo stile di viaggio prima di partire e per affrontare in modo consapevole e corretto vi preghiamo di leggere attentamente quanto riportato sul nostro sito.

 

SPIRITO DEL VIAGGIO Parteciperemo ad un viaggio con un tuffo nella storia e nelle tradizioni dell’Etiopia copta, visitando chiese castelli e palazzi che narrano la millenaria cultura. Le chiese del Tigrai, le steli di Axum, le isole e i monasteri del lago Tana, e Lalibela: la Gerusalemme d’Africa con le sue undici meravigliose chiese monolitiche scavate nella roccia. Il tragitto sarà costellato da visioni di meravigliosi campi fioriti, coltivazioni di contadini che lavorano la terra in modo ancora arcaico e cieli dove la luce diurna dal color cobalto farà da contraltare alla notte buia costellata di stelle. Caratteristica importante sarà l’incontro con le persone del luogo, dei loro villaggi in bilico sulle montagne, e dei tanti pellegrini in cammino. Il trekking in questa aerea così lontana dal tempo vi riempirà gli occhi con visioni immense e con  un vivere rimasto immutato nel tempo di questa popolazione che vive arrampicata nell’acrocoro più bello d’Africa.

 

I monti Simièn sono montagne dell'Etiopia. Sono costituite da un altopiano ondulato, profondamente intersecato da valli rocciose, che a nord e a est digrada in una serie di precipizi (una sorta di muraglia ininterrotta lunga più di 40 chilometri). Gli spettacolari pinnacoli che fronteggiano i precipizi fanno sì che questo paesaggio sia stato paragonato per maestosità al Grand Canyon americano. La vetta più elevata (la quarta in Africa) è Ras Dascian (4.549 m); altri picchi importanti sono il Buait (4.437 m) e l'Abba Yared (4.460 m). I monti hanno la particolarità di essere fra i pochissimi luoghi in Africa in cui nevica regolarmente (il nome Semien, vuol dire paese del freddo). L'area dei monti Semièn è racchiusa per parte nel Parco nazionale del Semièn, area protetta dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Nel parco vivono diverse specie endemiche, quali lo stambecco del Semièn il lupo d'Abissinia ed i babbuini Gelada, traslitterazione di Chilada, parola amarica che connota un animale raro e distante.

 

I NOSTRI SERVIZI…

Alberghi: hotel 4 stelle ad Addis Abeba, in altri alberghi classificati 3 e 2 stelle nelle altre località da programma. La classificazione in Etiopia non corrisponde agli standard europei. In ogni caso sono selezionate le migliori strutture disponibili . Camping con cuoco a seguita. E’ richiesto buono spirito di adattamento. 

Mezzi di trasporto: bus, mini bus e fuoristrada  (dipende dal numero di partecipati) in ottime condizioni.. I bagagli sono quasi sempre caricati sopra il mezzo di trasporto. Imbarcazioni locali a motore per visite sul Lago Tana.

 

Alberghi:

  • Addis Abeba Eliana hotel o sim. / Ad Addis Abeba può essere richiesto Hotel a 5*
  • Bahir Dar Rahenille hotel o sim
  • Gonder Taye hotel o sim
  • Simien N.P Camping
  • Axum Brana hotel o sim.
  • Lalibela Lal hotel o sim

 

1° giorno: Italia – Addis Abeba

Partenza dai principali aeroporti italiani con volo di linea per Addis Abeba. Pernottamento a bordo.

 

2° giorno: Addis Abeba – Bahar Dar, hotel

Arrivo in capitale e disbrigo delle pratiche doganali d’ingresso al Paese.

Intera giornata dedicata al trasferimento verso Bahar Dar,  terra rigogliosa e lussureggiante della valle del Nilo Azzurro. Durante il tragitto tra le verdi vallate vedremo coltivazioni di grano e di teff (cereale endemico). Arrivo in hotel in tarda serata.

Pernottamento in hotel.

 

3 ° giorno: Bahar Dar - visita ai monasteri del Lago Tana e alle cascate del Nilo Azzurro, hotel

In mattinata attraversamento in barca sul Lago Tana ed in particolare alla sua penisola e dopo una breve passeggiata all’interno della stessa, visiteremo la chiesa di Ura Kidanemehert del XV° sec. Rientreremo in hotel per il pranzo. Queste chiese sono uniche per il loro tetto che non può prendere fuoco nemmeno in caso d’incendio. Hanno forma circolare e con le loro pareti piene di affreschi, sono davvero straordinarie oltre ad essere ancora funzionanti per i credenti ortodossi. Si potranno ammirare anche alcuni tesori contenuti in queste chiese, come alcuni oggetti antichi che sono in mostra per i visitatori. Rientreremo in hotel per il pranzo.

Nel pomeriggio dopo la pausa pranzo, guideremmo per 40 km su strada sterrata fino alle Cascate del Nilo. Poi attraversando il fiume stesso per battello, o con una camminata di 30 minuti circa, arriveremo alle cascate. In autunno durante la stagione delle piogge l’ampiezza della caduta d’ acqua, raggiunge i 400 metri.

Pernottamento in hotel.

 

4° giorno: Bahar Dar – Gondar, hotel

Trasferimento verso la città di Gondar. Arrivo in tarda mattinata ed inizio delle visite ai dintorni di Gondar ed ai suoi Castelli, i più antichi d’Africa. Visiteremo la chiesa Debre-Berhan Selassie del XVII ° secolo magnificamente decorata. La città fondata dal re Fasiladas (Fassil) nel 1635 D.C.è stata capitale imperiale per 250 anni, grazie alla sua posizione collinare strategica con un'altitudine di 2200m ai piedi meridionali dei Monti Semien. Gondar è conosciuta per i suoi castelli del XVII° secolo, per la piscina Reale ed in particolare per la chiesa splendidamente decorata di Debre Berhan  Selassie, patrimonio dell’Unesco.

Pernottamento in hotel.

 

5°giorno: Gondar - Debark - Sankaber (trekking 3300m) - Gech, campeggio.

Partenza da Gondar per arrivare a Debark nel pomeriggio. Dopo espletamento delle formalità nell’ufficio del quartier generale del Siemen Mountains National Park, registrato dall’UNESCO come patrimonio mondiale, si guiderà per circa ore 1,30 prima di arrivare al Campeggio Sankaber. Qui saliremo ad un'altitudine di 3300m con una temperatura media di 10 ° . Il campeggio Sankaber è parte del massiccio dei Monti Siemen che comprende catene montuose incredibilmente sceniche e la sua scarpata impressionante sia a nord che a sud del campeggio, sono uno spettacolo unico nel genere. Sono paragonabili al Tibet D’Africa.

In primissima mattinata trekking per 3 ore sul bordo della scarpata fino a Gen-Bar. La scarpata è profonda 800 metri ed incredibilmente panoramica. Il massiccio roccioso scende nelle vallate tagliandole con gole, alcune profonde oltre i 1000m. Durante il trekking la vista sarà inimmaginabile, sempreverde con boschi e cespugli, che contengono alberi e specie erbacee con oltre 16 esemplari di tipo endemico. Inoltre animali selvatici, come l'endemico babbuino Gelada, lo stambecco Walia, il cervo Menelik della savana, le iene pezzate e lo sciacallo dal dorso nero. Tra le varie specie di uccelli l’Erckel’s Francolin, il codrione bianco detto “chiacchierone” per il canto continuo, il tordo dell’olivo, il raschietto tordo di terra, il chat alpino, il picchio abissino, l’avvoltoio africano dal dorso bianco, il grifone Rueppell, il Lammergeyer ed il Jar notturno del Montana.

Pernottamento in campeggio.

 

6 giorno: Gech - Imet Gogo (trekking 3926m) - Chenk, campeggio.

Da un'altitudine di 3600m e temperature annuali 7,7 ° C, il campeggio Gech è la parte migliore della spettacolare catena dei Monti Semien, scarpate impressionanti punti di vista superbe sostenuti dai monti come Imetgogo, Seha, Kedadit e Gidergot con alcuni mammiferi endemici, uccelli e specie vegetali. Dopo due ore di trekking verso Imetgogo a 3926 m, monte con la migliore vista panoramica dell’Etiopia. Rientreremo per un'ora per poi salire con 2 ore di trekking fino a quota  4000m, per poi scendere a 3600m a Chenk con sosta per campeggio. Dopo il pranzo al sacco visita alle popolazioni locali con ingresso nelle loro tradizionali capanne, cosa che spesso rende entusiasti i nostri visitatori.

Pernottamento in campeggio.

 

7° giorno: Chenk - Bwahit (trekking 4430m) - Sona, campeggio.

Il campeggio Chenk con un'altitudine di 3600m e temperature annuali di 8,8 ° C, è anche una grande postazione con una vista spettacolare. L’alba ed il tramonto sono estremamente rari e stupefacenti in questo sito. In questo scenario da documentario, ci sarà la possibilità di incontrare l’endemica  Walia Ibex. Dopo la prima colazione, saliremo per 3 ore ed il trekking arriverà fino a 4430m col Monte Bwahit. Dopo un'ora si ridiscenderà per il pranzo al sacco. Con 3 ore di trekking in terrazze pianeggianti (dove vedremo molte case rurali) si concluderà il giorno in campeggio a Sona (2800 m).

Pernottamento in campeggio.

 

8° giorno: Sona - Mekarbia (scendendo verso valle), campeggio.

Questa low land è totalmente diversa da quella degli altipiani, ammireremo grandi cambiamenti topografici e di popolo. L'avi-fauna è magnificamente ricca con corsi d'acqua di fiumi limpidi e puri che cadono meravigliosi dalle vette. Il campeggio è circondato da abitanti delle pianure sempre molto rispettosi della presenza altrui. Gli abitanti dei villaggi mostreranno i loro prodotti realizzati a mano con maestria per quanti volessero farsi o fare un regalo unico.

Pernottamento in campeggio.

 

9° giorno: Mekarbia - Mulit, campeggio

Attraversando campi di sorgo (cereale endemico) e aziende agricole di mais, incontreremo gli abitanti dei villaggi e ammireremo il cambiamento di topografia che ci accompagnerà fino al campeggio. Nel pomeriggio faremo visita ad una scuola locale per vedere da vicino la realtà scolastica del luogo.

Pernottamento in campeggio.

 

10° giorno: Mulit - Adiarki (termine trekking ad Adiarki) - Axum, hotel.

Dopo le ultime due ore di cammino termineremo il trekking e conseguentemente un arrivederci al personale addetto. Continueremo ammirando gli alberi di incenso e mirra mentre attraverseremo la Valle del Tekeze. Attraversando il Tekeze, uno dei sei fiumi che oltrepassano i confini d'Etiopia (la cui sorgente è vicina a Lalibela) e la sua valle desertica, che conta 59 specie di Acacia anche questi endemici, in questo luogo si potranno catturare molti meravigliosi colpi d’occhio durante il tragitto, molto belli per chi ama la fotografia ma anche per chi  ama gustarsi semplicemente un paesaggio. Pernottamento in hotel.
 

11° giorno: intera giornata dedicata alla visita di Axum, hotel.

Cammineremo in questa antica città per circa un’ora, visiteremo inoltre i suoi dintorni. Se avremo la fortuna di visitarla in coincidenza con un giorno dedicato ai festeggiamenti di qualche Santo locale, parteciperemo ad una cerimonia rara nel suo genere, molto colorata e mistica. Axum è uno degli otto siti registrati come patrimonio mondiale esistenti in Etiopia dall’UNESCO. Axum è una piccola città, ma ha un significato storico importante nella storia etiopica. La prima testimonianza storica del regno di Axum inizia intorno al III secolo A.C., grazie alla vicinanza dello stato egiziano di Meroe e del florido stato di Shendi in Sudan. Axum gradualmente crebbe di potere e conquistò non solo Meroe, ma anche i regni dell'Arabia meridionale, approfittando del commercio di seta e spezie che andavano dall'India verso l'Europa attraverso il Mar Rosso. Un’idea di come fosse stato Axum è data dallo scrittore persiano del III° secolo chiamato Manni, che ha elencato Axum come uno dei quattro grandi regni del mondo, insieme con la Persia, la Cina e Roma. Gli Axumiti avevano un linguaggio unico chiamato Geez, con un metodo di scrittura in qualche modo simile all’alfabeto Sabeo, tuttora in uso nella liturgia copta. Il Tigrino, l’Agewegna e l’Amarico  lingua ufficiale, sono tutte discendenti dal Geez. Axum, con i suoi gloriosi obelischi fatti con singoli blocchi di granito (se ne contano oltre 1000), sfoggia a 2 km di distanza dalla piattaforma rocciosa dove sorge la città, la più alta stele che eretta era di 23 metri d’altezza  e 150 tonnellate di peso e, ne fa’ il più grande monolito al mondo. Axum è considerata la città santa per la chiesa ortodossa in Etiopia.

Mattina: visita al campo delle Steli, alla tomba del re Kaleb e di suo figlio re Gebre-Meskel e visiteremo la chiesa di Santa Maria di Sion che nella sua cappella si narra contenere l'Arca dell’Alleanza, costruita accanto alla chiesa del XVII ° secolo dal re Fassil di Gondar. La leggendaria Arca dell’Alleanza si narra fosse stata donata da Dio per i figli di Israele. L’Arca dice la Bibbia, contiene le tavole della legge e dei dieci comandamenti che furono consegnate a Mosè sul monte Sinai.

Pomeriggio: visita al Museo dove ammireremo innumerevoli manufatti e oggetti, ritrovati durante gli scavi terminati nel 1908. Poi con un quarto d’ora d’auto raggiungeremo Dngur e Gobedra, una cava in una collina da dove le steli sono state trasportate per venire erette ad Axum.

Pernottamento in hotel.

 

12° giorno: Axum - Lalibela, (1° volo domestico) hotel.

In mattinata imbarco per volo su Lalibela. Inizio delle visite con le chiese nei dintorni di Lalibela. Pernottamento in hotel.

 

13° giorno: intera giornata dedicata alla visita della chiese rupestri di Lalibela, hotel.

Nell’intera giornata visiteremo a piedi tutte le undici chiese di San Lalibela comprese in un territorio di un km quadrato, collegate da un percorso scavato con cunicoli. Visiteremo: - Ci sono oltre 24 chiese rupestri a Lalibela, ma visiteremo le 11 più significative in città e altre due nei dintorni. La città di Roha (antica Lalibela) è a quota 2600 metri , e sarà interessante visitare la sua periferia e vedere la vita dei suoi abitanti. Oltre ai suoi monasteri si potranno osservare due storici “cottage” (case antiche tradizionali a due piani) impossibili da vedere altrove. San Lali-bela (che significa mangiatore di miele) è stato un re e un santo che regnò intorno XII ° secolo per 40 anni, come altri undici re della dinastia Zagwe che hanno governato in Etiopia tra il 920 D.C. e il 1253 D.C. Vi furono due importanti dinastie in Etiopia, quella salomonica e quella degli Zagwe. Questa antica città fu visitata dal sacerdote viaggiatore portoghese Francisco Alvares che nel 1521 ne scrisse un leggendario libro. Le Chiese di Lalibela sono stati deliberatamente scolpite come simbolo del cielo, e ispirate dalle storie della Bibbia. Le chiese sono divise in due parti, la Gerusalemme celeste e la Gerusalemme terrestre. Ogni chiesa fu architettonicamente scolpita per indicare la storia della Bibbia e ne prende il nome dai santi. Una di loro, Bete Medhani'Alem (casa di Emanuel) è la più grande chiesa rupestre monolitica nel mondo, misura 11,5 metri di altezza su 800 metri quadrati di superficie. Un edificio semplice con 36 pilastri interni e 36 pilastri esterni, su disegno della Tenda di Abramo. Tutte le undici chiese contengono tesori come croci processionali del XVII° secolo, icone stupefacenti,  libri ecclesiastici in pelle di capra ed in carta. Le chiese di San Lalibela sono registrate come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Pernottamento in hotel.

 

14° giorno: Lalibela - Addis Abeba, (2° Volo domestico) visita della città e shopping, cena d'addio con tradizionale spettacolo di danza, trasferimento all’aeroporto di Bole International.
In mattinata imbarco per il volo domestico su Addis Abeba. Visita della città. Addis Abeba (che significa “nuovo fiore” in lingua amarica, la lingua ufficiale) è la terza capitale in ordine di altitudine al mondo con 2400 metri, fondata dall'imperatore Menilik II nel 1887. Possiede il quartier generale dell’AU (African Union), l’ECA (commissione economica per l'Africa), e molte organizzazioni internazionali oltre a 105 ambasciate e, con i suoi 4 milioni di abitanti, Addis Abeba, viene considerata capitale dell'Africa. Visiteremo il Museo Etnografico e il  Museo Nazionale considerati i migliori del loro genere in Africa. Dopo il pranzo visiteremo il “Mercato”, il più grande mercato all'aperto dell’Africa ed avremo l’opportunità di visitare negozi di souvenirs e di artigianato locale. Dopo una pausa in hotel, cena in ristorante tipico con spettacolo musicale e culturale. Al termine trasferimento per l’aeroporto internazionale di Bole con il volo di linea verso l’Italia.

 

15° giorno: Italia

Pernottamento a bordo. Arrivo nei principali aeroporti italiani.

 

Quote di partecipazione a persona in camera doppia a partire da:

 

  • € 3.590 base 2 partecipanti con guida locale parlante italiano

  • € 3.130 base 3 partecipanti con guida locale parlante italiano

  • € 2.980 base 4 / 9  partecipanti con guida locale parlante italiano

  • € 2.385 base da 10 partecipanti con guida locale parlante italiano

 

NB: il prezzo proposto è stato calcolato con i servizi annessi in loco di ottima qualità che ne garantiscono la buona riuscita e la sicurezza dello svolgimento del tour.

Mezzi di trasporto di recente fabbricazione in OTTIME CONDIZIONI, con aria condizionata, revisionati ed autorizzati al trasporto del turismo. Jeep Land Cruiser Toyota 4×4, max 5 posti – anno 2012. Bus Coaster Toyota, max 16 posti – anno 2007. Drivers autorizzati ed esperti conoscitori delle rotte stradali. Guida in loco parlante italiano/inglese esperta e qualificata. Alberghi tra i migliori disponibili in loco al momento della prenotazione. Pernottamento in pensione completa con acqua minerale ai pasti. Acqua minerale a disposizione dei passeggeri durante il tour. Camera di cortesia prima della partenza.

 

 

Tasse aeroportuali €  275 (indicative e soggette a riconferma al momento della partenza) ESCLUSE

Quota d’iscrizione: € 100 COMPRESA

Incremento assicurativo medico-bagaglio: € 50 per copertura massimali fino a € 50.000 (ESCLUSO / consigliato)

Supplemento camera singola: € 250 (ESCLUSA)

Operativi aerei indicativi: Partenza da: Roma / Ethiopian Airlines o dai principali aeroporti italiani

Tipologia di viaggio:  viaggio trekking naturalistico/ culturale 

Durata: 15 giorni, 12 notti

Guide: guida locale esperta 

Pernottamento: camping / hotel

Documento indispensabile: Passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di partenza del viaggio

 

Avvertenze di viaggio Il viaggio in Etiopia presenta diverse problematiche dovute alla mancanza di preparazione del paese nell’accogliere un turismo che è ancora agli albori. La carenza di manodopera  in alcune strutture alberghiere e per la parte organizzativa che igienica, fanno risultare il tour difficile per il comune viaggiatore (può capitare di non avere acqua calda). Negli alberghi il personale è molto disponibile ma con tempi e modalità diverse dalle abitudini occidentali (mancano spesso gli ascensori). Il cibo normalmente è di buona qualità anche se noi consigliamo alimenti solo cotti e frutta con la buccia. Sconsigliamo bevande sfuse (succhi già preparati ed allungati a volte con acqua o ghiaccio non potabile). Oltre a questi consigli avvertiamo che in alcuni tratti le strade sono di difficile percorrenza e che il chilometraggio non rappresenta la nostra percezione di durata del tragitto (es: km 200 = h. 6 su alcuni tratti). Sconsigliamo il viaggio a chi non presenta spirito di adattabilità, buone condizioni di salute e a chi crede di fare una “vacanza” di altro tipo. L’Etiopia è uno dei paesi più poveri al mondo.

 

Nota Alcune modeste variazioni potranno essere realizzate dall’organizzazione, se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo per ragioni tecnico operative. Segnaliamo che in rare occasioni le prenotazioni degli alberghi già confermate in Italia nella “lista hotel”, potrebbero subire variazioni in quanto il Governo si riserva in caso di meeting o conferenze di occupare la struttura a prescindere delle prenotazioni fatte. In ogni caso verrà sostituita la prenotazione con pernottamenti disponibili in zone adiacenti. Non è garantita in questo caso la stessa categoria confermata in Italia.

 

Vaccinazioni e precauzioni sanitarie Non ci sono vaccinazioni obbligatorie: sono consigliate le vaccinazioni per la Febbre Gialla e l’antitetanica oltre alla profilassi antimalarica nelle zone del bassopiano. Consigliamo il vaccino contro l’epatite A+B. Gli ospedali si trovano solo nelle maggiori località. È necessario portare con se la scorta dei medicinali che vengono assunti regolarmente, o di cui si prevede l’uso. È consigliabile una assicurazione medica, che preveda anche il rimpatrio in caso di emergenza sanitaria.

 

Viaggiare con sostenibilità

Viaggitribali Tour Operator collabora con la ONLUS www.comboniane.org, un’organizzazione che opera nel territorio Etiopia e in Africa con aiuti concreti alle comunità in gravi difficoltà economiche e sanitarie. Stiamo raccogliendo fondi per la realizzazione di un pozzo all’interno di un asilo nella comunità di Manjare - Etiopia (a circa 200 Km da Bahar Dar) e per la realizzazione di una casa per infermieri che necessita di ristrutturazione nella località vicina di Mandura - Etiopia. Per ogni contratto verrà devoluta la somma di € 10 a persona che verrà destinata alla fondazione. Suor Mariolina Cattaneo è la responsabile del progetto.

Per ulteriori informazioni la sede della Fondazione Comboniane nel mondo ONLUS è in:

V.le Tito Livio 26
00136 Roma / 
Tel. 06 35429680

 

La quota comprende

  • Volo di linea internazionale in classe economica
  • Voli interni in classe economica
  • Tutti i trasporti con Minibus in Addis Abeba regolarmente assicurati ed esclusivi per il gruppo
  • Trasferimenti esclusivi per il gruppo con Toyota Land Cruiser/Nissan Patrol mod. 2012
  • Sistemazione in 4*-3* (STANDARD ETIOPE)
  • Trattamento di pensione completa incluso acqua, tè e caffè 
  • Acqua in bottiglia durante tutto il viaggio
  • Ingressi a tutti i siti indicati da programma con tasse d’ingresso ai parchi, villaggi, musei, chiese e monumenti durante il soggiorno con visite guidate
  • Camere di cortesia ultimo giorno in capitale, day use (4 persone per camera)
  • Cena di arrivederci in tipico ristorante
  • Assicurazione base medico bagaglio (spese massimali € 10.000)
  • Assistenza di una guida qualificata parlante italiano durante tutto l’itinerario
  • Quota d’iscrizione
  • Assistenza 24H su 24H

 

La quota non comprende

  • Tasse d’ingresso $ 50 da pagarsi all’arrivo in aeroporto ad Addis Abeba
  • Tasse aeroportuali definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti ed eventuali adeguamenti carburante  
  • Tutte le mance, extra personali, mance per foto-video
  • Assicurazione integrativa spese mediche
  • Assicurazione annullamento
  • Bibite alcoliche/analcoliche
  • L’uso della fotocamera o videocamera nelle chiese, musei, nella ripresa di persone, etnie, abitazioni, cerimonie tradizionali
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Richiedi subito ulteriori informazioni, compila il modulo e sarai ricontattato al più presto:
Nominativo Città
Telefono Email
Note
 
Inserisci il codice di controllo che appare nell'immagine sotto
CAPTCHA Image icon right
  Accetto il trattamento dei dati personali